“Impariamo facendo perché lo facciamo imparando” -Saji Ljiyemi

Dimenticare è un processo esponenziale, con una rapida diminuzione della memoria in pochi minuti dopo la formazione.

Dimentichiamo il 50% di tutte le informazioni appena acquisite entro 1 ora!

Hermann Ebbinghaus, psicologo e filosofo tedesco, ha scoperto che il 70% delle informazioni viene perso dopo 24 ore e il 90% dopo una settimana.

Questa è la dura realtà!

 

Quando si tratta di trasferimento di informazioni e formazione all’interno della vostra azienda, questo si traduce in tempo e risorse sprecate… E naturalmente questo è da evitare.

Vari studi dimostrano che la memoria di una persona diventa più forte con la pratica. Ebbinghaus ha scoperto che le informazioni sono più facili da ricordare se vengono ripetute regolarmente. I risultati di questa ricerca scientifica sono ancora rilevanti e sono ampiamente utilizzati nella formazione in game:

  • Creare materiali suggestivi e comprensibili
  • Creare associazioni da applicare anche in seguito
  • Utilizzare attrezzature visive per il supporto ed eventualmente tecnologie uditive
  • Pianificare la ripetizione dei materiali, in particolare poco dopo la prima volta che vengono presentati, quindi con intervalli di ripetizione distanziati.

Un altro fattore importante che contribuisce nella diminuzione della memoria è lo stress.

La relazione tra stress e memoria è complessa. Un po’ di stress può migliorare la capacità di codificare, memorizzare, e recuperare informazioni fattuali, troppo stress, tuttavia, può spegnere il sistema. Potresti aver avuto questa esperienza studiando per un test, una moderata quantità di ansia è motivante e vi aiuterà a eseguire meglio, troppo, soprattutto durante l’esecuzione del test effettivo, può impedire di ricordare ciò che si sa.

La riduzione dello stress sta ricevendo sempre più attenzione perché la ricerca continua a mostrare quali effetti negativi lo stress può avere sul benessere fisico e mentale basti pensare a burnout e bore-out che sono tra le cause più ricorrenti di assenteismo sul lavoro.

 

Lo stress colpisce la memoria e il funzionamento cognitivo del cervello. [1]

La giornalista Antonella Russoniello, in una sua ricerca ha documentato che il gioco casuale migliora l’umore e riduce lo stress creando un’atmosfera stimolante ma allo stesso tempo tranquillizzante che permette ai partecipanti di rilassarsi. Questo effetto rilassante facilita l’assorbimento del contenuto della formazione. 

La formazione in Game vi aiuta a battere sia la curva di perdita dell’acquisizione di conoscenza che lo stress, rendendo i vostri corsi di formazione attraenti, coinvolgenti e indimenticabili. 

 

  1. Cavanagh, J. F.; Frank, M. J.; Allen, J. J. B. (7 May 2010). “Social stress reactivity alters reward and punishment learning”. Social Cognitive and Affective Neuroscience. 6 (3): 311–320. doi:10.1093/scan/nsq041PMC3110431PMID20453038 
0

Lascia un commento